cerca

Anomalie (per Sara Romoli)

31 Luglio 2010 alle 19:00

L’Italia è un paese che si regge su anomalie da troppo tempo. L’elenco è lunghissimo. Berlusconi è un’anomalia e lo sappiamo da quando è sceso in campo. Qualche legge ad personam è stata fatta. L’accanimento giudiziario sul premier (che è da stato di polizia) ha obbligato ad agire in quel modo, penso al Lodo Alfano. In Italia esiste giustizia? Io credo di no, ed è vero che esiste una consorteria di giudici al servizio della sinistra. Berlusconi, che non è uno stinco di santo, si è messo di traverso al quieto, ipocrita e falsamente democratico status quo Italiano. Siamo sicuri esista una P3? Io penso di no anche se il malaffare circola anche a destra. A sinistra le cricche dei presidenti di regione e dei sindaci che hanno portato l’Italia vicino al baratro, non sono nemmeno inquisiti e fanno gli inquisitori. Veltroni che ha lasciato un buco enorme al comune di Roma, dovrebbe essere cacciato a pedate dal consesso civile anche se non ha rubato nulla per se, semplicemente perché non sa far di conto. Invece parla di P3, lui! Loro chi sono la P1? Berlusconi ha sdoganato la destra, e salvato Casini. Ha un’alleanza di ferro con la Lega, con patti chiari, altrimenti Bossi chiederà la secessione e la situazione è tale che ha chances di successo. Insomma politicamente non è da buttar via, e tutti pensano che sia l’anti-politico per eccellenza. Infine la lotta alle mafie segna successi mai visti e naturalmente s’insinua che Berlusconi sia il capo della mafia! Viviamo una brutta stagione e come sempre rimprovero al Premier di non cambiare le regole del gioco, che favoriscono quest’odioso stallo e che permetterebbero anche alla sinistra di uscire da quell’anti-Berlusconismo, che è l’unica tesi che producono da vent’anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi