cerca

I dubbi di un normale cittadino

27 Luglio 2010 alle 17:00

Definire tutti i giorni una persona, fino a prova contraria INCENSURATA (Berlusconi), come un mafioso, corruttore, criminale, fascista etc... non è una calunnia e diffamazione? E non è pure una calunnia equiparare un ex iscritto alla P2, come appunto Berlusconi, ad un criminale matricolato, essendo passata anni fa in giudicato una sentenza della Cassazione che, pur condannando Licio Gelli, aveva di fatto prosciolto da ogni accusa tutti gli iscritti alla loggia P2? Tra l'altro anche Maurizio Costanzo, Roberto Gervaso e il compianto Gen Dalla Chiesa (ucciso dalla Mafia come Falcone e Borsellino) sono stati iscritti alla P2! Criminali pure loro?? Come mai Berlusconi non querela mai Di Pietro per calunnia e diffamazione? Solo perché gode dell'immunità parlamentare o di amicizie particolari nella Magistratura?? E allora mi sorge un dubbio: non sarà che questi attacchi siano in realtà concordati sottobanco in modo da dividere la gente per spingerla ad andare a votare?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi