cerca

Diritti bestiali.

24 Luglio 2010 alle 10:59

Da alcuni lustri c'è un'accelerazione progressista bestiale, che non ha avuto precedenti comparabili nei secoli, nei millenni precedenti. I diritti degli uomini si sono moltiplicati come la gramigna, ma, negli ultimi anni, si sono messi in concorrenza quelli delle altre specie animali: dai sempre amati cani e gatti, agli uccellini in gabbia, ai pesciolini in acquari tecnologici, alle caprette, ai ratti, fino ai pitoni. Povere bestioline! Si è chiesto persino la tutela del SSN (Servizio sanitario nazionale, quello che non riesce a coprire tutti i bisogni fondamentali degli umani, ma che tutti contribuiamo a sostenere). E così via: si è passati ai cibi dedicati (per i quali si fa tanta costosa pubblicità, base di un business ricchissimo). Ma anche loro, poveretti, hanno il diritto di godere la vita: proprio oggi (23 luglio 2010, giornata afosissima che "squaglia") ho appreso da un tg la seria notizia che hanno inventato il gelato per cani e stanno sorgendo i locali per la loro distribuzione. E poi sarà la volta per i gatti, via via fino al pitone? E magari poi li abbandonano per andare in ferie e un cane affamato cerca di sbranarti, o ti ritrovi nel water un gigantesco pitone, che sarebbe tutto contento d'avvolgerti nelle le sue spire. Poveri... noi. Mi sembra che già ci sia stato un processo a qualche animale: la giustizia bestiale potrebbe esplodere nel prossimo futuro?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi