cerca

La morte ti fa bella (?)

23 Luglio 2010 alle 14:00

Era inevitabile che la rivoluzione sessuale, iniziata coi giovani, si portasse a compimento coi vecchi. Un tempo essi insegnavano ai giovani, e da questo sorgeva lo scontro intrascolastico, ora essi li imitano per instupidimento generazionale, e con ciò si espongono al giovanil ludibrio piuttosto che alla studentesca ira. All'ironia contro i cattivi costumi si è sostituita la follia del loro perseguimento, e al rimprovero sul fanciullo è succeduta l'invidia delle sue più ampie e irresponsabili libertà (o vanità) sessuali. Anche la pedofilia, guardacaso dilagante dagli anni '60 in poi, è solo una malcelata forma di odio contro il presunto e perduto evo aureo della puerizia, che nei casi più moderati i non più giovani tentano invano di riguadagnare sotto la specie della dissoluzione dei legami d’età adulta, come se potessero ripercorrere il fiume del tempo a contrario: adulterio, turismo sessuale e concubinato sono le forme in cui questi uomini e donne senza più scrupoli sfrecciano a velocità supersonica dalla maturità alla marcescenza nel folle tentativo di recuperare la loro acerbità fanciullesca, come se questa fosse a disposizione dell’umana volontà di potenza e non fosse invece un frutto maturo della sanctitas personale. Se Sofocle ancora si rallegrava di esser stato liberato dal desiderio solo in vecchiaia, il moderno vecchietto occidentale (che mai si ritiene tale, per definizione) invece se ne dispera e cerca nella chimica farmaceutica quello che il Sacramento matrimoniale e la provvidenziale biologia giustamente e pietosamente gli negano, se non già per la sua anima quantomeno per la sua dignità di persona umana che egli vìola con ogni sua spenseriata e disgustosa scopacchiata extraconiugale. Come immaginava Lewis, persino nell’oltremondo questa specie di dannati sarebbe capace di mettersi il rossetto sulle sue labbra di cadavere nel solo tentativo di risultare piacente...e col solo effetto di provocare il vomito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi