cerca

'A nave 'e franceschiello, a poppa cumabattevano e a propra nun 'o sapevano

15 Luglio 2010 alle 19:24

De Gennaro è direttore del Dis, il servizio che coordina Aisi e Aise, un ruolo chiave nei servizi segreti e quindi era non solo opportuno, ma indispensabile che i vertici massimi del Pd approvassero, o criticassero, il respingimento delle sue dimissioni, nonostante la condanna, per di più per quel reato. Nulla…. E questo sarebbe il problema dei vertici politici dell’opposizione che restano intronati di fronte agli avvenimenti che una certa magistratura ha giudicato con presuntuosa solerzia. Un fatto po’ insolito, un fatto così grave che vede messi in galera (quando ci andranno) i vertici della polizia e dei carabinieri: non si capisce più un kazzo! I ladri arrestano i ladri e i mariuoli guazzano nella malavita a maggior gloria della giustizia e dello “Stato di diritto”. Senza dimenticare Abu Omar, sequestrato dai Servizi nella difesa della Patria – Servizi condannati fermamente dalla Giustizia che tira diritto, usque ad finem, nel rispetto della legalità. Molto rumore ai piani alti dello Stato … e i servitori dello Stato pare che stiano in surplace, indecisi fra la volata o l’abbandono delle cariche: non è gratificante giungere ai vertici di una carriera pubblica (dopo aver speso tanto della propria vita) e concluderla con ignominia fra le sbarre di un carcere. Né Cicerone può essere d’aiuto se ci ricorda che: “Summum ius, summa iniuria”. È lo Stato di diritto che trionfa? … E la “Ragion di Stato” (la logica dell’azione politica di uno Stato) non ha più patria? Lo “Stato assistenziale” lo “Stato sociale”, ecc. conserva tutte le sue lusinghe clientelari e la “Ragion di Stato” viene perseguitata come rimasuglio aristocratico di un potere autoritario: non è che da qualche parte si esagera? La Libertà è fagocitata da un grande nemico: la Libertà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi