cerca

La confusione nel Pdl

13 Luglio 2010 alle 13:30

A leggere anche il Foglio, poichè i media di sinistra sono inattendibili e inaffidabili per definizione, sembra regni sovrana e si ha l'impressione che il governo debba cadere da un momento all'altro. Non so se tutto ciò è vero o solo dovuto al solito gioco di tutti i mesi di Luglio di sempre, dove il caldo e la sindrome di Stoccolma giocano pesante. Quello che non sopporto piu' è l'udire: "torniamo alle urne, la parola al popolo". Il "popolo" si è già espresso, ma la sua volontà non conta nulla, perchè: 1) il parlamento è condizionato dalla piazza, dai sindacati e dalle Procure 2) le poche leggi che passano, dopo lavoro di mesi, sono scremate e vanificate dai "moniti" del presidente della repubblica, o annullate per "incostituzionalità" 3) il premier sembra avere ( o ha ) tanto potere quanto un portaborse qualsiasi 4) gli alleati della coalizione invece di fare un corpo unico e solido sono terrorizzati dai media che inventano su di loro fango continuo, oppure, come l'on Fini, lavorano espressamente per il nemico. Se pensano che avere in casa l'UDC, risolva i problemi dimostrano di avere la memoria corta; si ricordino cosa successe con Follini. Questo paese è paralizzato dagli effetti di un secolo di socialismo, come qualcuno ha felicemente ricordato qui, che ha avvelenato intere generazioni, e non se ne esce di certo con le elezioni, ma solo con qualche evento molto traumatico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi