cerca

Ospedale Cristo Re Roma

9 Luglio 2010 alle 13:00

Siamo abituati a leggere quotidianamente episodi di mala sanità, ma fortunatamente esistono ancora centri di eccellenza che andrebbero meglio conosciuti, valorizzati e potenziati. Necessitando di un importante, impegnativo e delicato intervento chirurgico, martedì 15 giugno prendo contatto telefonicamente con l’Ospedale Cristo Re e, annotati i miei dati, mi invitano ad attendere una loro chiamata. Venerdì 18 mi telefonano invitandomi a ricoverarmi il 21 mattino alle ore 7. Giunto in ospedale mi accoglie la Capo Sala della Chirurgia che, raccolta la mia documentazione, con la massima affabilità e cortesia mi spiega il programma della giornata. Il giorno successivo mi viene effettuato un nuovo esame endoscopico ricognitivo ed il mercoledì mattina vengo operato e trasferito nella Rianimazione. Dopo 2 giorni mi trasferiscono nel reparto dove rimango fino al 5 luglio, data della mia dimissione. Durante tutta la mia degenza, sono stato profondamente meravigliato dalla massima competenza del personale tutto e dalla cortesia, educazione ed affabilità di tutti coloro che si alternavano nei turni, sia nella Rianimazione che successivamente nella Chirurgia dell’Ospedale. Un mio caloroso ringraziamento al Prof. E. Santoro ed a tutta l’equipe medica, nonché alla efficientissima Capo Sala L. Tulli ed a tutto il personale di assistenza che tanto affabilmente ha seguito la mia degenza rendendomela anche meno pesante. E’ appunto grazie a questo centro di eccellenza con il suo grande capitale di risorse umane, da coltivare e da non disperdere, che è stato possibile il racconto di questa mia esperienza a lieto fine conclusasi in sole 2 settimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi