cerca

Teoremi in Sicilia

6 Luglio 2010 alle 20:00

Cari amici di HDC, purtroppo e ripeto purtroppo, l'interpretazione di fatti- anche acclarati- in terra di Sicilia non è mai semplice, neppure per i nativi come me. Il caso Mangano, per esempio, è tipico delle doppie e triple interpretazioni. Punto primo: peculiarità di un mafioso è quella di non parlare anche sotto tortura. Punto secondo: non parlare non vuol dire tacere su una cosa, quella cosa potrebbe essere inesistente. Punto terzo : un mafioso in carcere, al di là della sua mafiosità, potrebbe risparmiare ai propri cari delle dure ritorsioni. Dunque, la dignità di Mangano è quella del mafioso che non parla, punto e basta. Il sen. Dell'Utri ha dimostrato un'ingenuità " continental -padana" nel nominare pubblicamente eroe chi per mestiere non parla. Inoltre, in un mondo "animale" (leggasi lotta per la sopravvivenza) dove ogni giorno si rischia la vita, la credibilità non esiste. I racconti di certi fatti possono essere veri ma come si passa alle deduzioni, alle interpretazioni, al se tanto mi dà tanto, si è falsi. Dove regna il "primum vivere" è' tutto ipocrita. Ogni volta che si apre bocca si pensa solo se le conseguenze di ciò che si dice possano salvare la pelle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi