cerca

La riforma della giustizia, almeno quella

6 Luglio 2010 alle 14:30

Non so se altri foglianti hanno avuto il piacere (masochistico nel mio caso) di leggere gli articoli di un certo Felice Lima, il quale tiene un blog sul sito del “Fatto quotidiano”. Tra i suoi interventi cito: “I complici della mafia e i suoi sguatteri” (indovinate chi sono gli sguatteri e i complici), “Mai complici di questo scempio di civiltà” (indovinate chi sono gli autori dello scempio di civiltà). Un dettaglio: Lima è un magistrato. Invito a leggere le sue esternazioni e poi a dirmi se non diventa sensata e ovvia una domanda: a quale santo si dovrebbe votare una persona iscritta al PDL o attivista di centro-destra a cui capitasse di essere indagata o giudicata per una qualche ipotesi di reato da quel signore ? Come potrebbe mai credere nell’obiettività e nella serenità di un magistrato che scrive quelle cose e ha quelle idee ? Io credo che la semplice ragionevolezza dovrebbe portare tutti, anche quelli che detestano Berlusconi, a concordare sul fatto che un sistema giudiziario in cui vi sono magistrati che si sentono liberi e legittimati a vivere così il proprio ruolo soffre di una patologia gravissima (e non mi si dica che i magistrati sono liberi di avere le loro idee politiche. Non è di questo che si parla, leggere il blog di questo Lima per capirci). Non scopro certo io oggi, con questo post, il problema di una magistratura politicizzata e militante che inquina profondamente il clima politico e civile nel nostro paese. Ma anche se so da un pezzo che essa esiste, vederla manifestarsi con questa mancanza di pudore e di senso del proprio ruolo continua a provocarmi molta inquietudine e francamente anche rabbia. Il fisco è vessatorio, gli sprechi pubblici sono indecenti, la Costituzione e la struttura statale sono anacronistiche in molte loro parti. Ma fosse anche solo una riforma seria della Giustizia quella che questo governo riuscisse a portare a termine, riterrei in fondo non sprecata la fiducia accordata in questi oltre 15 anni a Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi