cerca

Addio a Pietro Taricone

29 Giugno 2010 alle 17:00

Immagino che mentre cadeva abbia pensato di farcela, anche questa volta di uscirne vincitore. E invece no: stavolta il guerriero è uscito sconfitto, definitivamente. Spero di cuore che ora si limitino al minimo i coccodrilli che ci raccontano di un Pietro "che in fondo era buono, era un bravo ragazzo, rovinato dalla televisione" o cose simili. Pietro era uno sbruffone, a volte anche antipatico. Aveva una figlia e una compagna, ma anche in questo caso, niente di semplice come si addice ad uno come lui. D'altra parte, era un guerriero, uno a cui le cose semplici non vanno a genio. E come ogni guerriero, aveva una dote straordinaria: diceva la verità, anche scomoda (ricordate quando raccontò in un'intervista dei soldi incassati grazie al grande fratello, e spesi in un amen in donne e macchine? tutti a condannarlo, ma solo per invidia...). Ora la verità la vedrà in faccia: e questo sarà il suo lancio più bello. Addio Guerriero!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi