cerca

Problemi di intercettazione.

16 Giugno 2010 alle 20:35

Il 16 giugno ho scoperto, a pagina 8 di "Avvenire", l'articolo di Gaetano Campione: "Bari, quattro magistrati intercettati". Ci sta, perché solo il Padreterno non può essere intercettato, ma la presentazione precisa: "In servizio nel capoluogo pugliese e a Trani, sono stati “ascoltati” mentre passano ad alcuni giornalisti notizie riservate su indagini". Bene, se prima gli interessati (Csm in primis) potevano far finta di non saperlo, ora sono serviti e spero si aprano dei giusti processi e veloci, esemplari punizioni. Forse il problema delle intercettazioni non è che siano troppe, ma che spesso se ne faccia un uso illegale. Non bisognerebbe ridurle, perché credo rientrino in una quantità fisiologica, ma bisognerebbe regolarne l'assunzione con regole e costi uguali a livello nazionale e, poi, sopra tutto, l'uso limitato ai fatti del processo divenuto pubblico. Personalmente mi spingerei a trovare il mezzo e il modo di renderle pubbliche solo dopo il passaggio in giudicato della sentenza (di condanna, naturalmente).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi