cerca

Il Grande Assenteista non è migliore del Grande Corruttore

15 Giugno 2010 alle 18:30

C’è una logica nelle belle menti di quegli onesti signori che ritengono necessariamente “malizioso” l’interesse di chiunque si opponga alla intercettabilità sostanzialmente ad libitum delle comunicazioni telefoniche di ogni cittadino e - addirittura - “incostituzionale” la pretesa di chi pretende di imporre seri limiti allo sputtanamento a mezzo stampa di questa pesca a strascico alla ricerca del Grande Corruttore? Certo che c’è. Peccato non sembri essere coerente con quella delle stesse belle menti che, codici e Costituzione alla mano, ritengono essere una “malizia padronale” ai limiti della incostituzionalità quella di pretendere, invece, regole più stringenti per tutti i lavoratori nella lotta all’individuazione del Grande Assenteista che alligna in tanta attività produttiva, pubblica e privata che sia. Lui si che sputtana veramente tutti, ma il bavaglio proprio non glielo vogliono mettere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi