cerca

La mediocrità dell'informazione

14 Giugno 2010 alle 17:30

A me la legge sulle intercettazioni non piace perché non mi fido dell'attuale maggioranza di governo e, in generale, di tutta la classe politica. Insomma, credo che della privacy importi poco a queste persone. La cosa fondamentale è non venire sputtanati. A parte queste considerazioni che nascono in un luogo di grande spessore, il bar, su una cosa sono d'accordo con Ferrara: l'informazione, in video e sulla carta, è veramente mediocre, inesistente. A parte pochi esempi, manca nei giornalisti la voglia e forse la capacità di andarle a scovare le notizie, di cercare di guardare alla realtà in modo diverso. Per non parlare delle cronache locali dei quotidiani. Avvilenti. Pagine di scandali, di gente che si lagna e del benedetto degrado (schiamazzi notturni e cacche di cani sui marciapiedi) che, francamente, hanno rotto le palle a tutti. Ovvio che questi problemi esistono e sono gravi. Ma non c'è nulla d'altro? Tutto di vecchio nelle nostre città? Io quando giro per strada di cose nuove ne vedo tante, belle e brutte. Solo che nessuno le riporta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi