cerca

Dall'angoscia alla malinconia

13 Giugno 2010 alle 08:00

"Questa legge è una catastrofe per la giustizia ....", "...si è fatto un altro passo verso l’instaurazione di un regime che ci allontana dall’Europa...", "La cosa gravissima è che queste nuove norme.... sembrano fatte apposta per rallentare e bloccare la battaglia giudiziaria contro la criminalità organizzata, con conseguenze devastanti che porteranno...all’estinzione di migliaia di processi e alla liberazione dei colpevoli", "L'Italia ...diventerà un paradiso per mafiosi e criminali...", "Usciranno dal carcere mafiosi terroristi, ladri e pedofili...". Sono solo alcune delle cose (recuperate poco fa, a casaccio, su internet) dette e scritte da politici, intellettuali, magistrati, giornalisti di sinistra contro la legge sulle rogatorie internazionali, voluta dal governo Berlusconi. ERA IL 2001. Io allora non avevo ancora capito fino in fondo di che pasta fosse fatta, per la sua stragrande maggioranza, la sinistra italiana e ricordo bene le mie reazioni emotive: preoccupazione, dubbi seri di aver fatto un errore macroscopico nel votare per Berlusconi, vera ansia aspettando di vedere le conseguenze pesantissime che la legge avrebbe comportato. Poi questa legge è stata approvata, ha superato esami di costituzionalità, non risulta aver favorito Berlusconi in alcun processo a suo carico e, cosa che per me era la più essenziale, sono ancora qui che aspetto che arrivino le conseguenze drammatiche allora previste. A partire da quell'episodio ho osservato, da semplice elettore, il ripetersi sistematico, per ogni legge in tema di giustizia approvata dal centro-destra, di quel medesimo modo di fare opposizione. E così, dopo anni di "esperienza", oggi la prima pagina melodrammatica di Repubblica e i suoi editoriali che annunciano la fine della libera informazione e della possibilità di perseguire i criminali, non mi creano più nessuna ansia. Mi suscitano solo un sorriso un po’ amaro, pensando a che sinistra, stampa e magistratura abbiamo oggi in Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi