cerca

Acqua sprecata/ 3

10 Giugno 2010 alle 09:30

L’acqua non si consuma (la quantità totale è sempre la stessa) e non si spreca, nel senso che i consumi sono sempre proporzionati alla disponibilità: è ovvio che dove ce n’è in abbondanza non si avverte mai la necessità di moderarne l’utilizzo, mentre dove è scarsa si risparmia fino all’ultima goccia. Il problema sta proprio nella diseguale distribuzione dell’acqua rispetto alle necessità della popolazione mondiale, ma non si può pensare di prelevare acqua sulle Alpi e trasportarla nell’Africa sub sahariana; chiudere il rubinetto mentre ci si spazzola i denti a Milano non aiuta il Sudan. Mi auguro quindi che ambientalisti e terzomondisti di casa nostra, così sensibili alle sofferenze di chi patisce la cronica insufficienza della disponibilità di acqua, si facciano carico di promuovere l’unica soluzione razionale per risolvere il problema: costruire dighe, che consentono di eliminare la stagionalità della risorsa, accumulandola nei periodi di abbondanza e rendendola disponibile in quelli di siccità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi