cerca

Otto per mille

3 Giugno 2010 alle 21:00

In un momento dove lo Stato chiede sacrifici a tutti, ho provato un leggero imbarazzo nel scegliere come destinare l’otto per mille. Da buon cattolico, ho sempre optato per la Chiesa cattolica, perché pensavo di aiutare i Paesi del terzo mondo (come strombazzato dalla pubblicità in tv), solo che ultimamente ho scoperto che gran parte dei soldi raccolti servono per stipendiare i sacerdoti o per finanziare la costruzione di nuove chiese o per la manutenzione dei propri immobili. Ho pensato, allora, di destinarlo allo Stato italiano, perché credevo di aiutare qualche Associazione Onlus o, quantomeno, di contribuire a risanare i conti pubblici, e invece ho scoperto che parte dei soldi raccolti nel 2009 sono serviti per restaurare diversi immobili ecclesiastici. Insomma, se non ho capito male, si va sempre a finanziare la Chiesa cattolica. Non sarebbe ora di pensare a qualcosa d’altro?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi