cerca

Sicofanti

2 Giugno 2010 alle 20:00

Dall'articolo di Ferrara de 31 maggio 2010 giunge finalmente una parola chiara su questo gioco al massacro delle stragi funzionali alla vittoria di Berlusconi. Il 1992-93 è un biennio tutto da scoprire. Si dice che nel vecchio PCI esisteva una regola aurea: quando si accusava qualcuno di qualcosa, voleva dire che a farla quella cosa era stato proprio il partito. Non vorremmo che tale regola valesse anche per gli anti-berlusconiani di oggi. Di certo c'è: 1) l'odio per Falcone all'interno della magistratura; 2) l'accusa di Leoluca Orlando a Falcone di nascondere le carte; 3) l'allusione propalata dai professionisti dell'antimafia, secondo cui Falcone si fosse fatto da solo l'attentato all'Addaura; 4) lo sfogo della Boccassini che accusa i colleghi di aver lasciato solo Falcone; 5) la dichiarazione di Borrelli di essere pronto ad assumere ruoli di governo in caso di emergenza, rilasciata nel 94, quindi dopo le bombe di Natale 1993; 6) la dichiarazione ambigua di Scarpinato, secondo il quale senza il delitto di Falcone non si sarebbe potuto aprire il processo a Andreotti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi