cerca

Intercettati (gli umori) si fa marcia indietro

21 Maggio 2010 alle 19:16

Credo che anche il più fedele degli elettori del centrodestra di fronte al nuovo provvedimento sulle intercettazioni resti perplesso: con la nuova norma si creano delle procedure di appesantimento burocratico(alla faccia della semplificazione!) che di fatto renderanno non impossibili ma irrealizzabili le intercettazioni per limiti di tempo, reati considerati intercettabili etc etc.Trovo stucchevole lo spettacolo che si va ripetendo da giorni sulla libertà di non essere intercettati,il comune e libero cittadino non credo sia così preoccupato di essere intercettato né tantomeno lo è quotidianamente;lo si dica con franchezza che questa è una guerra di Poteri tra certi poltici, giornalisti ,editori, magistrati..insomma ancora una volta il paese di chi dovrebbe essere al servizio del cittadino si ritrova a essere l'unico guitto sul palcoscenico a parlarsi addosso e parlare di sé.Più sicurezza significa poter intercettare e poter fare cronaca ma senza gossip; sarebbe auspicabile punire chi sbaglia a diffondere le intercettzioni piuttosto che risolvere il tutto impedendole!Come ciliegina sulla torta arriva anche l'impresentabile comma che prevede che il Vaticano debba essere avvertito dal magistrato prima che questi disponga l'intercettazione su un ecclesiastico.Questo è un paese sempre più surreale e credo che la fine dei giochi per lor signori politici stia arrivando.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi