cerca

Libera Austriam a malo

18 Maggio 2010 alle 13:30

Nelle contrade austriache si susseguono frenetici il rapimento decennale di Natascha Kampusch, la prigionia pluridecennale di Elisabeth Fritzl e dei suoi pargoli figli di stupro paterno, la morte incidentale di un Haider ubriaco e forse poi omosessuale (?), le troppe corruzioni di fanciulli per mano clericale e ora infine l'adunata dei Vescovi liberal sotto l'ala demonica del progressismo. Non sarà forse giunto il momento di consacrare anche l'Austria, insieme alla Russia, al Cuore Immacolato della Vergine?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi