cerca

Scelte di vita e scelte razziali / 3

12 Maggio 2010 alle 15:15

Non sono convinto che non accettare in adozione un bambino di colore sia una scelta dettata da semplice razzismo. Adottare non è semplice e già convincersi inizialmente a farlo è un primo passo che necessita di un percorso interiore non proprio alla portata di tutti. Crescere un figlio concepito è impresa difficile e di grande responsabilità, crescerlo dopo averlo adottato è impresa, almeno ai miei occhi, titanica. Forse non tutti si sentono all’altezza di affrontare e risolvere nel migliore dei modi anche le difficoltà e le problematiche che un bambino di colore, immerso in un contesto diverso, può subire e rappresentare pur sapendo di essere in grado di offrirgli senza remore tutto l’amore possibile. La vita, quella reale, sa essere crudele ed è molto meno poetica e romantica di quanto illudendoci vogliamo credere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi