cerca

Icone

6 Maggio 2010 alle 10:44

La scienza, che cambia e si contraddice ogni secondo, non dovrebbe occuparsi del sacro, che e’ eterno e immutabile, anche perche' lo nega per definizione non essendo un fatto scientificamente provabile, come se non esistesse nulla oltre ad essa ed ai propri paradigmi, mentre curiosamente allo stesso tempo avanza ipotesi di infiniti universi paralleli e di infinite dimensioni, anche questo naturalmente non provabile, ma accettabile in quanto “teoria scientifica. L’astrofisica e’ diventata cosmogonia, l’importante e’ che ci siano dati in un computer e tutto si puo’ dire. Ora invece affermare che esiste un Creatore questo no invece, perche’ anche il Creatore deve per forza essere scientificamente dimostrabile, ma se non lo fosse? Ora la religione, specie quella cattolica, e’ arrivata a tale decadenza da sottomettersi ed “aver paura” del giudizio della scienza e allora rinuncia gradualmente ai propri misteri e simboli, alla propria storia e tradizione. Non sa piu’ insegnare perche’ ha dimenticato allora si rende piu’ accettabile rispetto alle prove di laboratorio, ma la Bibbia ed il Vangelo per un credente saranno sempre superiori ad un acceleratore di particelle che tra pochi anna fara’ la ruggine, a patto che non gli siano letti da uno scienziato…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi