cerca

Balottelli, Cassano e i giovani d'oggi (di Mario Mattoli)

21 Aprile 2010 alle 20:30

Vorrei affrontare seriamente e pianificare qui su HPC una discussione serena su un argomento futile ma che presto prenderà piede: i mondiali di calcio. Leggo dalla Gazzetta che i sicuri convocati da Lippi sono: "Zambrotta, Grosso, Criscito, Cannavaro, Chiellini, Legrottaglie, Pirlo, De Rossi, Gattuso, Marchisio, Camoranesi, Gilardino, Di Natale, Iaquinta". Ecco, al di là delle facili ironie o dei commenti standardizzati e di parte (tipo: quello quest'anno non ha mai giocato... è stato in tribuna tutto il campionato... viene da un infortunio ed è ancora rotto... giocano tutti in una squadra che sta arrivando ottava... ecc.), non viene da riflettere (un pochetto esagero...) che se la nazionale di calcio è lo specchio di questo paese, allora questo paese è ad un passo (se non già dentro) ad una gelida ed oscura tomba?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi