cerca

Eruzione in Islanda/ 2

16 Aprile 2010 alle 12:00

Sono un amante dell'Islanda (fatti 4 viaggi) sia per la sua natura che per i suoi panorami. L'Islanda, come un atollo che emerge dall’oceano, è a cavallo di una frattura tra (sinteticamente) le placche americana e europea. Placche che si allontanano. I suoi vulcani seguono proprio il percorso della fessurazione e si aprono come ferite quando tiri la pelle, eruttando. I vulcani islandesi sono diversi da quelli stromboliano-esplosivi che hanno una camera magmatica. I pericoli sono opposti a quelli tipo Vesuvio. Nessun collasso di cratere nè nuvole di materiale incandescente. Nessuna fitta cenere che ricopre in un attimo tutto, tipo Pompei. Le eruzioni sono hawaiane e apparentemente tranquille. Questi vulcani piatti (a scudo) sono pericolosi (oltre che per le colate in quanto tali) per due motivi. Uno locale: il grande calore generato scioglie le nevi perenni in poco tempo e perciò si formano i "jollaukap", delle inondazioni terribili. Un altro mondiale: questi vulcani emettono spesso anidride solforosa, zolfo e fluoro in quantità industriale. L'eruzione del Laki - tra l'altro un vero paradiso paesistico - alla fine del 700 buttò fuori da circa 170 bocche svariate milioni di tonnellate di anidridi solforose e (da Wikipedia): "Le emissioni di aerosol di acido solforico avvenute negli otto mesi successivi comportarono rilevanti effetti nel clima e nella società dell’intero emisfero boreale". Tutto questo incipit: 1) Per confortare chi si lamentava delle marmitte catalitiche. 2) Per ragionare scientificamente sui cambiamenti climatici (reali ma naturali, e non causati dalle umane emissioni di CO2). 3) Per riflettere sul Creato. Anzi sulla natura: bella e spietata, ma fortunatamente (o disgraziatamente) autonoma sia da Pecoraro Scanio che dal movimento Verde. Rispettare la natura per me significa anche affibbiarle "corrette responsabilità". Due su tutte: quella di averci dato un pianeta stupendo. Quella di poterci cacciare sotto un metro di terra senza troppe manfrine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi