cerca

Chiesa, aborto ed altro

14 Aprile 2010 alle 14:30

Non direi sia il caso di Sergio Romano, ma credo che dietro le posizioni di molti strenui difensori della laicità dello Stato che muovono critiche sdegnate alla Chiesa, accusandola di ingerenza impropria nella politica, vi siano spesso ipocrisia, opportunismo e molto condizionamento ideologico. Una riprova di ciò io la vedo nel fatto che questi stessi alfieri della separazione netta tra Stato e Chiesa si scordano all'improvviso dei loro principi e si guardano bene dal criticare quest'ultima quando essa è interviene nel dibattito politico per esprimere opinioni negative sull'intervento militare in Irak piuttosto che sulle leggi per l'immigrazione volute da governo di centro-destra, per fare degli esempi. Il solito problema di una buona parte della sinistra laicista: al di là della giustezza o meno dei principi che sbandiera, quando le fa comodo, è l'incoerenza nell'applicarli che rende comunque difficile un confronto costruttivo su di essi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi