cerca

Le lenzuolate della libertà/ 10

7 Aprile 2010 alle 18:30

Tra gli elettori e gli eletti del PDL ci sono moltissimi professionisti iscritti ad albi. Non stupisce dunque l’iniziativa del ministro in difesa della categoria. Quello che meraviglia è il silenzio assenso generale nei confronti di questo ennesimo tentativo di restaurazione. Possibile che a nessuno venga da ridere quando il ministro si giustifica dicendo “che bisogna garantire prestazioni efficaci e tariffe che siano semplici, comprensibili, eque e trasparenti”? Un modo equo, trasparente e semplice, c’è: lasciare le parti libere di accordarsi sulle prestazioni e sul corrispettivo. Come avviene in qualsiasi negoziato fra pari in un qualsiasi settore non regolamentato. Invito i lettori a esaminare il tariffario degli avvocati sul sito del Consiglio Nazionale Forense. Non si capisce niente. E' uno strumento barocco, oscuro, esageratamente minuzioso che però non permette di saper a priori quale sarà l‘onorario. E a prescindere da dove si colloca il professionista nella forbice tra minimo e massimo tariffario. Per ironia della sorte dal “comunista” Bersani sono giunti dei timidi tentativi di liberalizzazione del mercato, dal “liberista” Alfano il ritorno alla massima regolamentazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi