cerca

Il male di vincere: la rabbia e l'orgoglio

6 Aprile 2010 alle 08:00

Quando per tre mesi non credi ai tuoi occhi nel leggere il secondo, ma spesso e volentieri anche il primo e il terzo, quotidiano nazionale che esplodono letteralmente melma maleodorante (per non dire qualcosa che non odora certo di rosa e rosa non e') su un esecutivo che non solo ha stravinto le elezioni, ma che sta dando prova di esserci nella pienezza dei suoi poteri, e per la prima volta dopo 16 anni; quando allo scadere del quarto o quinto mese,invece,non vedi l'ora di aprire quotidianamente quelle pagine web per sentire con le tue orecchie, "cosa si inventeranno oggi"pur di pugnalare alle spalle un uomo, per quanto ricco e potente, e scoprire puntualmente che in un frastuono roboante, "se ne sono inventata letteralmente un'altra";quando su quelle stesse pagine cerchi quotidianamente il colore della menzogna, o delle omelie ridondanti di retorica delle due o tre opposizioni,e delle frattanto sopraggiunte fronde interne, che a quelle fanno da ripetitore, come se odore, rumore e colore fangoso di sottofondo, inneggiante al"declino del premier",non siano solo un parto asfittico e falso di chi non ha capacita' di trovare altri argomenti da frapporre tra legittimo esercizio di governo del paese e legittimo risultato di lungo termine, ma siano verita'incarnate e assodate -come lo era"il declino italiano"alle elezioni del 2006-; quando anche le circostanze esterne si mettono di traverso, e la celeberrima cantonata di proibire i talk show presta il destro all'apoteosi, l'inaudita volgarita' mediatica nella quale la tenacia, la combattivita'e l'ottimismo della volonta'unanimemente riconosciute, si ribaltano nella visione malata di una satira nauseabonda e perdente; ecco,quando questa cagnara ululante viene prima azzittita e poi spazzata via da una marea di milioni di croci a matita nel momento fondante della pur fragile democrazia italiana che e' il voto, il male di "Vincere" anche per un umile fogliante, si sublima in brevi istanti irripetibili di rabbia ed orgoglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi