cerca

La Lega e l'aborto

1 Aprile 2010 alle 20:45

E' realmente impressionante che, dopo tanti anni, un uomo di potere inizi a lasciare da parte il politically correct e affermi con chiarezza la propria contrarietà all'aborto. Ci eravamo abituati alla democristiana diplomazia del "dentro tutti" o alle buone intenzioni (e nulla più) dell'uddiccí. Cotta e Zaia hanno deciso di compiere il grande balzo. Audaci, hanno tutto il mio appoggio. Pero adesso li aspetto alla prova dei fatti. Non cambierò bandiera solo per parole. Sucuramente lo farò per fatti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi