cerca

Anno Zero

30 Marzo 2010 alle 13:30

Certo non si può dire che il Berlusconi non ci abbia provato a rianimare il comunismo e i comunisti. Li ha invocati per 15 anni ma quelli… Mai risposto all’appello: guardavano il cielo, a far finta di niente, roteando l’indice come quando si gioca allo schiaffo del soldato. Marx, Lenin, Gramsci, Togliatti…? E chi li ha conosciuti mai ?! Mai sentiti nominare! A noi ci piace Kennedy, Blair, Clinton, Obama, Zapatero… Beh, Zapatero proprio, non tantissimo, un po’ di meno… E’un po’ troppo a sinistra, poi ci dicono che siamo socialisti, peggio che mai! Berlusconi, invece, che ci ha l’anima semplice dell’uomo di affari, per lui o è 0 o e 1, o è bianco o è nero. Mica si può essere tutti bianchi o tutti neri! E la gente gli ha dato ragione, alla fine. Dice: tra un comunista rinnegato, che si vergogna della sua storia e del suo passato, e un anticomunista viscerale e sincero, scelgo l’anticomunista, chè al meno ci ha le idee chiare. E come dargli torto! Ci rimangono i salotti buoni, Colaninno junior, il pangiuridicismo travaglino e dipietrista, le sodomie accademiche e stilizzate in tre passaggi di luttazzi, Nanni Moretti, Celentano, e qualche decina di migliaia di blogger afflitti da ernia discale ed emorroidi, a furia di star seduti davanti al computer. Ma non era più facile raccogliere l’assist di Berlusconi e ricominciare a fare i comunisti per davvero?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi