cerca

Funzione domenicale

29 Marzo 2010 alle 20:30

Si comincia tardi, per via dell'ora legale. Breve colazione e prima poppata. Poi la vestizione, leggera, che fa caldo. Poi la check-list: certificato elettorale, documento valido e salviette. Poi mia moglie indossa il marsupio, e si esce. La poppata è stata insufficiente, e la pupa ci mette di buon umore con i carotaggi esplorativi. Vabbè, ci si pensa al ritorno. Sguardi simmetrici e sfuggenti agli altri passanti con il certificato in mano. Ok, voti anche tu (microsecondo di simpatia e sollievo), ma per chi (microsecondo di diffidenza). Superiamo l'anziana signora con la figlia, il certificato non si vede ma si intuisce nella borsetta impeccabile. Veniamo superati da un ragazzino, alto e rigido come un'asta di bandiera, sguardo pensieroso, certificato e carta d'identità stritolati nella mano destra, con il padre in versione "vecchio saggio": " ... il debito lo hanno fatto tra gli '80 e i '90 ...". Santa pace, bimba mia, cosa ti spiegherò, quando toccherà a me. La scuola, le bandiere, il poliziotto. Silenzio. Dignità. Stai buona piccola, che noi siamo il Re. Entriamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi