cerca

Aborto / 18

26 Marzo 2010 alle 08:00

In risposta al Sig. Barone: a mio avviso l'aborto e' senza alcun dubbio un omicidio, sulla pena pero' non saprei. Come credente penso che la pena inizia nel momento in cui si compie tale gesto, poi di giustizia umana e divina non m'intendo. Lasciando perdere la sacralita' della vita umana che tale e' solo per alcuni, uno stato che tutela piu' il diritto all'aborto in quanto ne fa una questione di liberta' individuale, che il diritto alla vita - che allora avrebbe un valore minore - e' uno Stato non solo non giusto, ma anche non libero. A tal punto che la liberta'di abortire da diritto diviene violazione legalizzata di un principio di ben piu’ ampia portata ed e' paradossale che sia tutelata. Ora che un popolo scelga in una direzione o nell’altra dipende da che popolo e’: la battaglia per la legalizzazione a mio avviso ha causato di per se’ un enorme numero di aborti in quanto e’ stata combattuta e vinta con l’introduzione graduale di una cultura della morte venduta per liberta’.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi