cerca

Aborto / 15

25 Marzo 2010 alle 19:00

Vi chiedo di spiegarmi cosa c'è da rimproverare esattamente ai radicali e a chi ha voluto una legge sull'aborto. Fatti salvi sempre tutti i principi morali, e la battaglia culturare per l'accoglienza della vita, che da cattolico praticante non posso che condividere, per me le leggi possibili sull'aborto sono solo due: quella che c'è adesso, oppure una opposta che dica: "l'aborto è un omicidio, la donna e il medico che lo commettono sono da condannare all'ergastolo". Non esiste una terza possibilità; ma se nessuno, nemmeno Monsignor Bagnasco, propende per la seconda ipotesi, è da ipocriti non dire che i radicali hanno avuto ragione a far approvare la prima legge. Vi prego di credere, però, che non ho certezze e accetto volentieri una "correzione fraterna".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi