cerca

Un campanile, un oratorio. La scommessa che viene dalla Sardegna

22 Marzo 2010 alle 17:46

Torna di moda con mia grande soddisfazione l’oratorio. La scommessa sta nel valorizzarne e riconoscerne la funzione sociale. Ci ha pensato il Consiglio Regionale della Sardegna che, approvando la legge 4/2010, riconosce la dignità sociale e educativa dell’oratorio, di quello spazio dove giovani di età ed esperienze diverse, di varia estrazione sociale, con i problemi adolescenziali che conosciamo e quelli “moderni” con i quali da poco ci confrontiamo noi adulti, vengono accolti e si formano, crescono e iniziano a introdursi nel mondo. Ne beneficeranno oltre seicento (600!) nuovi centri aggregativi, tanti quante sono le parrocchie presenti in Sardegna. La sintesi divenuta legge in Consiglio Regionale che è stata presentata da Felice Contu, consigliere regionale Udc, dopo un lavoro in commissione insieme con centrodestra e centrosinistra, attribuisce al progetto risorse importanti: 5 milioni di euro annui fino al 2013. Una grande riscoperta che auspico venga presto importata anche in "continente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi