cerca

Mao Tse Ron

3 Marzo 2010 alle 18:00

Stamattina non ho nulla da dire: meglio rimanere a letto, immobili, a ronfare. Stanotte, in pieno dormiveglia, ho ripensato alla giornata di ieri, immaginato quella di oggi, terrorizzato da quella di domani: mi sono cadute le braccia e mi si è incriccato il cervello. Ma come è stato possibile? Come? Pensando e rimuginando mi si è rinsecchita l'anima. Il cuore batteva forte. Il cuscino colmo di ciocche di capelli caduti o forse strappati. Che fare? Come risalire? Cosa inventare? Aiuto. Mi sta cadendo tutto, le speranze, la passione, la pressione. Oddio, se mi alzo, sono certo che mi caleranno pure le braghe. No, no, stamattina no: meglio restare a letto. A ronfare. Immobili. Ricordando il buon vecchio e saggio MAO: se hai le braghe abbassate, non muoverti troppo, chè potresti fare il gioco del nemico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi