cerca

Lo sciopero della fame è una cosa seria

26 Febbraio 2010 alle 18:30

Condivido il pensiero di Giuliano Zincone a proposito dello sciopero della fame di Emma Bonino. E' ridicolo usare questo strumento per una motivazione come "il rispetto dei regolamenti di raccolta e convalida delle firme a sostegno delle liste elettorali". E rischia di diventare una tragicommedia pensando alle morti di Bobby Sands e Zapata. E' come se io pretendessi di essere una spia del Mossad. Forzando la cosa potrei avere tutti i presupposti per esserlo. Ma sono solo un "piccolo borghese" che riesce malamente e malappena a usare un strumento povero ma ricco come la penna (la tastiera) per affermare il diritto all'esistenza e alla difesa di Israele. Se pubblicherete la mia lettera avrò anche perso l'occasione di diventare una spia e allora forse è meglio che rimanga segreta. O forse è meglio usare uno pseudonimo. Beh, in ogni caso è ora di andare a mangiare pane e acqua. Oggi è venerdì di Quaresima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi