cerca

Il divo

25 Febbraio 2010 alle 15:45

La singolarità di Travaglio è che egli vive costantemente nel Grande Teatro del Vero, patemico e ironico Prometeo, donatore agli uomini del Fuoco di conoscenza dei fattacci di Dei egoisti ("la casta"). Come tutti i grandi attori anche lui ha ceduto alla tentazione di diluire la propria anima invisibile nella propria immagine scenica, il suo idolo mediaticamente plasmato e premortualmente mummificato, la sua immortalità tanto ruffiana quanto fasulla, al punto che perfino Santoro se n'è accorto. Questo Demostene fuori tempo e il carrozzone di noti guitti a cui il suo nome sempre s’accompagna sono le ultime guardie di quella fortezza nel deserto che è il moralismo risorgimentale: attorno a essi vi sta solo sabbia e morte, ma la loro preoccupazione è vigilare contro i nemici dell’immobilità ideologica. Nel tempo della rivoluzione non vale la verità ma l’insinuazione, contro il diritto antico e i costumi dei padri si pensa ora, ultimo brandello di ‘68 (almeno una volta emancipatore, oggi castigatore): idem est maledicere et accusare, per alcuni persino comprobare. Da qui il successo di Travaglio, semidio dei filistei, cavalcatore di ogni lembo di risentimento borghese o popolano, giudice senza mandato di manzoniana memoria. Per lui e per tutti i delatori avventati la “Storia della colonna infame” rimane come monito a diffidare della buona coscienza del moralista, che se non per abbaglio di gloria mondana allora per accecamento di paura storica inclina volentieri a linciare un innocente. Dalla razza pura alla casta pura il passo metafisico è infinitamente troppo breve per essere tentato da chi cuore puro non ha, ovvero da chi beato e santo non è (cfr. Mt 5, 8). Se il Divo di Annozero sia destinato all’apoteosi dei posteri o all’amnesia storica, questo non ci è dato saperlo, ci basta constatare che le sue apparizioni televisive sono già considerate ierofanie gratuite la cui interruzione può divenire, alla perdita della sua inviolabilità, minaccia del Soggetto sacro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi