cerca

IN EXITU/14

18 Febbraio 2010 alle 11:21

Gli Inglesi sono certamente più coerenti e rigorosi nell'applicazione delle leggi che hanno (esempio hooligans, che qui vanno in galera sul serio, e a lungo), però non ci dimentichiamo che pochi mesi fa un tribunale ha deciso che un bambino gravemente malato doveva morire come diceva la madre, e contro il volere del padre (che poi cambiò idea, ma dopo). Quindi attenzione, laddove una legge non c'e', in questo paese non c'e' rimasto molto del senso di compassione e moralità che diventa guida indispensabile quando c'e' da decidere su qualcosa di nuovo o extra-ordinario. Anche le leggi del parlamento in materia di bioetica negli ultimi anni sono andate in una sola direzione, quella della disponibilita' della vita e soggettivita' dei diritti fondamentali. E per l'eutanasia l'insopportabile retorica finto-compassionevole è forte come in Italia, ma trova meno resistenza. E infatti in parlamento la legge alla base di quest'arresto stanno continuamente e strenuamente cercando di cambiarla. Quando diventerà legale, starà bene e tutti, come in Svizzera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi