cerca

Crack

5 Febbraio 2010 alle 21:15

Ho letto con estremo interesse l'interessante articolo di assoluzione da parte di Longone sulle dichiarazioni di Morgan. Premetto che Morgan se non altro ha avuto il coraggio di ammettere di fronte al mondo debolezze e vizi che non solo nella ristretta categoria degli artisti ma oramai nella popolazione in generale sono oramai "mainstream". Morgan un po' come l'agnello sacrificale sull'altare delle nostra ipocrisia. Sul fatto che non debba andare a Sanremo sono d'accordo. Per quel poco che ancora puo' valere un messaggio contro l'uso della droga puo' avere lo stesso effetto di uno spot su un singolo consumatore ma è sempre meglio che far passare il messaggio opposto. Saro' ipocrita ma in privato sono d'accordo con la sua uscita in pubblico no (io non mi faccio di coca comunque).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi