cerca

Ama il cavallo prossimo tuo

27 Gennaio 2010 alle 16:56

Siamo un paese maturo e civile dove oltre 90% della popolazione si dichiara - comunisti compresi - "liberale". Siamo un paese dove una sentimentalista di destra (comunque sempre liberale) dichiara guerra alle macellerie equine e chiede, sulla base della sua soggettiva sensibilità, che si smetta di mangiare carne di cavallo. Siamo un paese dove il 90% e oltre di liberali non trovano abbastanza strano se non raccapricciante che il governo possa arrogarsi il diritto di decidere la dieta alimentare del popolo e possa stabilire la lista degli animali commestibili e non. Figurarsi se fossimo in un regime a stato etico dove l'individuo esiste per il comodo morale del potere costituito o, peggio, in un regime clericale che impone a tutti, siano essi credenti o meno, di non mangiare carne il venerdì per ragioni rituali. Che il personale politico sia quello che sia, lo sappiamo da sempre, ma che l'opinione pubblica e in specie le firme del giornalismo impegnato non dicano a questa signora che, se invece che alla politica si fosse dedicata all'ippica, la libertà di tutti ne avrebbe giovato, è davvero incredibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi