cerca

Cittadinanza

23 Dicembre 2009 alle 15:31

Viene da domandarsi quale pulsione politicamente suicida spinga Fini & Co. e UDC ad appiattirsi di fatto su posizioni "luogocomuniste" nettamente contrarie ai sentimenti della maggior parte degli elettori, me compreso, in tema di concessione della cittadinanza italiana. Considerare la cittadinanza come uno strumento di integrazione degli immigrati è una colossale sciocchezza. La cittadinanza può e deve essere solo il riconoscimento di un processo di adesione ai valori fondanti dello Stato italiano già integralmente avvenuto e interiorizzato dal richiedente. Non è solo questione di tempo di permanenza. Sul requisito temporale si può discutere, entro certi limiti che personalmente vedrei più vicini ai dieci anni attuali che ai cinque ipotizzati. L' intransigenza è d' obbligo sull' amor patrio e il rispetto sostanziale dei valori di democrazia che qualificano l' essere cittadini italiani. Che cosa c' entra la società multietnica se uno vuole essere italiano?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi