cerca

La lingua dei morti

22 Dicembre 2009 alle 10:03

Il latinorum è sempre un trucco ai danni dei poveri, quando si sente parlare di "par condicio", di legge "ad personam", si cela che la parità tra inuguali è somma ingiustizia, ché la vera giustizia ha a suo fondamento il "suum cuique tribuere,; protestando poi contro le leggi ad personam si decapita il potere del governo; il parlamento legifera, ma il governo decreta e i decreti possono essere limitati ad personam o d personas, come a dire che i terremotati di Onna sono esentati dalla tassazione per un tempo definito, cosa che non si applica ai siciliani, che se si trovassero nella stessa condizione potrebbero rivendicare lo stesso diritto, ma sarebbe un problema politico e non più giuridico. Così per il lodo Alfano: non viene pregiudicata l'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge, perché essa si applica non a Berlusconi e alle altre tre alte cariche istituzionali, ma a tutti quelli che si trovino in quella condizione. Sembra l'acqua calda ma il cervello è stato portato all'ammasso al punto che i giovani, che per vocazione generazionale dovrebbero essere incendiari, sono divenuti parrucconi e con Grillo scendono in piazza a difesa della Costituzione mentre dovrebbero essi stessi proclamarne la revisione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi