cerca

"Ambrogio celebrato e rimosso"

8 Dicembre 2009 alle 12:47

Bello l'editoriale su sant'Ambrogio e di riflesso sull'arcivescovo Tettamanzi. La critica è forte, ma espressa con stile. A mio parere, ha colto nel segno, nel senso di avere evidenziato quella che è la debolezza della proposta cristiana oggi, nel mondo, e quindi anche in Italia. La presenza fisica della croce, che noi cristiani non sappiamo sempre rendere visibile. Bene ha fatto l'estensore dell'articolo a richiamare grandi figure della chiesa come Lazzati e Papa Montini, aggiungerei anche altri personaggi importanti provenienti dal cattolicesimo lombardo, come Eugenio Corti e don Luigi Giussani, che si muovevano in tutt'altro modo rispetto alle posizioni dell'attuale arcivescovo di Milano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi