cerca

La pazienza del leopardo e la memoria dell'elefante

4 Dicembre 2009 alle 19:15

Alla fine aveva ragione Caffarra come spiegato egregiamente da Paolo Cavana in ultima pagina del cartaceo che ha centrato il bersaglio in pieno come ha ammesso anche il Direttore. I diritti non devono essere uguali per tutti, l'equiparazione è roba sinistra in tutti i sensi. La famiglia bistrattata 10, 20, 30 volte ha la pazienza di un leopardo ma ricorda. Non ha perduto la memoria e può darsi che un bel giorno a forza di essere presa per i fondelli ... vada a votare. Se la sinistra di Errani non corregge il tiro sulla famiglia rischiano l'Emilia Romagna. La Lega sarà poco presentabile, come sostengono tutti i giornali, ma sa cos'è la famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi