cerca

Centralità finiane

30 Novembre 2009 alle 16:06

Che l'onorevole Fini affronti alcuni punti ritenuti centrali nella sua idea di politica è legittimo. Che questo lo faccia con sfumature modi e tempi poco lineari e cristallini non è da Presidente della Camera. Fa appello per un Parlamento forte quando si affaccia all'orizzonte un probabile ed ennesimo voto di fiducia richiesto dal Governo; ciò non avviene quando si tocca la tematica del vuoto di equilibrio fra politica e magistratura formatosi con l'abolizione dell'immunità parlamentare. Sottolinea con forza, all'interno del tema riforme istituzionali, la necessità di un nuovo patto di cittadinanza; non usa altrettanto vigore, se non in modo negativo e quasi mai propositivo, parlando della ristrutturazine della giustizia. Vuole vedere i partiti avere una centralità democratica sia nel confronto esterno sia in quello interno agli stessi; ma il richiamo a tale funzione avviene dopo un 'serrate le fila di Berlusconi' e non magari quando idee di riforma, bozze di vario genere, bocciature o avanzamenti di proposte, si decidono all'interno di trasversali flirt fra le numerose fondazioni lasciando fuori proprio i partiti stessi da Lui investiti come massime espressioni del dibattito politico. Tali serpentine ambigue, all'onorevole Fini sono concesse mentre al Presidente della Camera molto meno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi