cerca

L'Italia vista dall' estero

26 Novembre 2009 alle 13:12

Forse è vero che non ci sono corrispondenti stranieri esperti di politica italiana dal 94 a oggi. Se e' cosi' sarebbe altrettanto vero il complemetare, cioe' che non ci sono corispondenti italiani all'estero esperti di politica francese, inglese, americana, cinese, russa,...e allora cosa facciamo? smettiamo di leggere i loro articoli? Ogni corrispondente dall'estero "descrive" la realta' Italiana in funzione dei gusti e del potenziale interesse dei suoi lettori nazionali. Se poi succede che a questi giornalisti capiti la fortuna di lavorare in Italia con un Presidente del Consiglio cosi' "vulcanico", non si puo' certo farne una colpa a loro. Forse avrebbero preferito lavorare in Germania dove la Merkel fornisce molti meno argomenti eclatanti per le loro corrispondenze giornaliere oppure, per "par condicio" in Spagna dove le vicende private di Zapatero non interessano nemmeno agli Spagnoli (figuriamoci all'estero). Non capita a tutti i giornalisti di riferire di un Premier che e' allo stesso tempo il piu' facoltoso abitante del suo paese e, secondo Forbes, il 12esimo personaggio piu' potente al mondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi