cerca

Dissapori Brunetta-Tremonti

26 Novembre 2009 alle 21:36

Fa notizia lo scambio di epiteti come “incompetente” fra i ministri Brunetta e Tremonti. Che i ministri si diano dell'incompetente fra di loro, oltre a non essere un fatto nuovo, ricordo il caso Andreatta - Formica che portò addirittura alla caduta del governo, è pure una realtà. Quanti sono i personaggi della prima repubblica che sono passati da un ministero all'altro senza averne competenza alcuna? Innumerevoli! Il caso Brunetta-Tremonti non fa eccezione. Con una particolarità: gli economisti di professione non ne hanno indovinata una nel prevedere l'attuale crisi finanziaria mondiale. Come cittadino, ciò detto, voglio plaudire alla decisione di Tremonti di tagliare dalla finanziaria, oltre alle altre cose, la cedolare secca sugli affitti; in ciò ripetendo l'analoga bocciatura fatta dal precedente ministro del tesoro Padoa Schioppa. Due miliardi di euro, tanto sarebbe costato il provvedimento, negati alla lobby del mattone, sono indice di serietà economica e senso del welfare. La sua approvazione sarebbe stata una vera truffa ai danni della collettività in tempi di crisi che colpisce in particolare i lavoratori dipendenti e i pensionati per i quali non c'è una lira in finanziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi