cerca

Non c’è verso di cambiare verso

24 Novembre 2009 alle 21:53

Contro l’immobilismo del nostro paese non c’è al momento via d’uscita perché la strada delle riforme è impraticabile: le piccole riforme, i ritocchini, non servono, per quelle sostanziali occorrono energie e volontà che non abbiamo con la certezza di collidere sempre contro diritti acquisiti e corporazioni. Meglio quindi lasciar perdere e gettare la spugna. Però almeno esplicitarlo con chiarezza, non facendo del finto riformismo: prendiamo atto che la società è irriformabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi