cerca

Il rivoluzionario timido

9 Novembre 2009 alle 19:30

Piero, a suo modo, è un rivoluzionario, dice Diaco. Piero sarebbe stato un rivoluzionario, dico io, se avesse rivendicato con orgoglio e coraggio le sue scelte, pagandole in anticipo. Era difficile? Certo, ma la rivoluzione non è un pranzo di gala, tantomeno un postribolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi