cerca

Evviva

6 Novembre 2009 alle 17:02

Finalmente una buona notizia: stiamo perdendo la Turchia secondo l’analisi di De Biase sul foglio. Quale perdita? Nessuna. Quel pezzettino di Turchia che si protende anche in Europa non è Europa. E’ come se in virtù di quel pezzetto di Marocco in mani Spagnole quella parte del Nord Africa si ritenesse Europeo. Geograficamente questi paesi non sono Occidente. Culturalmente sono estranei ai lunghi processi che hanno prodotto l’Europa attuale. Dal punto di vista religioso è evidente la distanza. Gasdotti e quant’altro sono la nostra preoccupazione principale? Si fanno accordi anche con Algeria e Libia pur senza invitarli nel consiglio D’Europa. La stragrande maggioranza dei cittadini del continente non vuole l’ingresso di nessun paese Medio-orientale, Anatolico o Nord Africano. Punto. La legittimità di un Premier è nelle mani dell’elettorato così come proclama Berlusconi e come i segretari del PD, con le primarie, di fatto fanno. Ne consegue che tutti dovrebbero ben capire che interessi di pochi non possono essere imposti ai molti contrari: questa è la democrazia. Nessuna perdita solo un tassello identitario che andrà per il verso giusto. Però che tristezza lasciare ai Turchi capire la situazione e non noi a dichiarare in modo semplice e rigoroso la nostra indisponibilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi