cerca

Afghanistan, ieri e oggi.

21 Settembre 2009 alle 18:31

Quando, dopo l’11 settembre, iniziò l’azione militare in Afghanistan da parte degli Americani e degli altri Paesi della NATO, fui d’accordo in quanto quella operazione era finalizzata al contrasto del terrorismo e al ristabilimento della democrazia. Sono passati otto anni e la situazione si è ulteriormente destabilizzata, il terrorismo non è stato eliminato, la democrazia è al di là da venire. Oggi in Afghanistan si combatte alla giornata , senza una chiara strategia o meglio con una strategia che finora si è dimostrata perdente. Lo stesso Obama ha dichiarato che non manderà ulteriori rinforzi fino a quando non sarà disponibile un nuovo progetto che tenga realisticamente conto delle mutate condizioni al contorno. Alle condizioni attuali persistere in questa guerra asimmetrica significa correre dei rischi crescenti a fronte di risultati praticamente nulli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi