cerca

Come se nulla fosse. E' l'Italia, bellezza...

16 Settembre 2009 alle 10:23

Domenica sera, da milanista depresso che rifugge al posticipo per non ingrigirsi ancora di più, cazzeggio al telecomando e mi fermo su Rai 3: "Presa Diretta", praticamente Report con un giornalista che non conosco al posto dell'ineffabile Gabbianelli. Si parla di Abruzzo, di allarmi inascoltati, di rifugi antisisma, di quelli che sapevano e di quelli che...state tranquilli. Nella disgrazia, poco di nuovo rispetto a quanto si è detto in questi sei mesi. Poi lo scenario cambia. Si va in Calabria, dove ci si aspetta un terremoto di magnitudo 7.5 (non bisogna essere geologi per sapere quello che è successo a Reggio e Messina nel 1908). E viene fuori, tra le altre cose, che lì esistono i "progetti faidatè": ti scarichi da internet un progetto a caso (lo ha fatto di persona il reporter), ti scarichi una relazione geologica anch'essa a caso, ci metti la stessa intestazione, poi vai dal tipografo e ti fai fare un timbro a nome di un tale ingegnere Pinco Pallino dell'ordine degli ingegneri di dove ti pare, il giorno dopo è bell'pronto, fotocopi e timbri tutto, consegni al Genio Civile e dopo una settimana ti vai a riprendere il progetto approvato, e sei pronto per costruire. Porcaputtana è andata veramente così! In un paese normale, come diceva un tale, certe cose non succederebbero nemmeno da lontano; in un paese di paraculi, sì, tutti i giorni; in un paese dove Repubblica e la magistraura sono affaccendate in altro, nemmeno un colpo di tosse, un sopracciglio alzato, una puntata dell'Infedele. Forse era meglio che guardavo la partita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi